Membrane Interface Probe (MIP)

L’innovativa tecnologia ad alta definizione per la determinazione semi-quantitativa in situ delle contaminazioni da composti organici volatili (VOCs)

Mares è partner italiano della multinazionale Fugro Consult GMBH per la commercializzazione e l’ applicazione in esclusiva in Italia del MIP (Membrane Interface Probe), l’innovativa tecnologia d’indagine ad alta definizione utilizzata per lo screening in situ di contaminazione da composti organici volatili (VOC) e idrocarburi clorurati (CHC) del sottosuolo nei sedimenti non consolidati.

L’acquisizione in tempo reale dei dati permette la ricostruzione in 3D della distribuzione e dell’estensione dell’eventuale contaminazione, nonché la stratigrafia del terreno, in tempi notevolmente ridotti rispetto alle tecnologie tradizionali.

Vantaggi

La sua applicazione, all’estero ormai consolidata, ha confermato importanti risultati.

I vantaggi per il cliente sono notevoli e svariati:

Inoltre, non prevedendo carotaggi e prelievi di campioni per le analisi, non genera rifiuti con conseguente riduzione dei costi di smaltimento.

Ambiti di Applicazione

Il MIP è indicato nelle indagini ambientali nell’ambito di due diligenze, ristrutturazioni di impianti di distribuzione carburanti e immobiliari, nei procedimenti ambientali, sia in fase preliminare per verificare la distribuzione ed estensione della contaminazione, sia in corso d’opera per monitorare l’efficacia dei sistemi di bonifica.